Come fare SPID

Negli ultimi tempi molti enti della pubblica amministrazione offrono la possibilità ai cittadini di ottenere delle informazioni comodamente da casa. Ad esempio si possono avere informazioni personali direttamente sul sito dell’INPS o del comune di residenza semplicemente inserendo delle credenziali di accesso. E per questo motivo che nell’era del digitale anche la nostra identità è diventata digitale e oggi si può usufruire di alcuni servizi che prima richiedevano la presenta fisica. Tutto questo è possibile grazie a SPID.

Visto che i cittadini si trovavano ad utilizzare differenti chiavi di accesso a seconda del sito, il governo ha deciso, quindi, di assegnare ad ogni cittadino delle credenziali che si possono utilizzare in tutti i siti della pubblica amministrazione. Se anche tu devi informarti o fare altre operazioni sui siti degli enti pubblici e desiri sapere come fare SPID devo dirti che sei nel posto giusto. In questa guida, infatti, vedrai come fare. Quindi mettiti comodo e continua a leggere. Di seguito scoprirai cosa è e a cosa serve nello specifico.

Cosa è lo SPID

Prima di procedere per scoprire come fare SPID, bisogna sapere nello specifico cosa è. Il sito del Governo spiega che si tratta del Sistema Pubblico d’Identità Digitale con il quale si può accedere ai servizi online della pubblica amministrazione o dei privati che ne aderiscono. Si tratta di credenziali grazie alle quali si possono prenotare le visite sanitarie, effettuare le iscrizioni a scuola e accedere alla rete wi-fi pubblica. Insomma è uno strumento importantissimo che ti consiglio assolutamente di fare. D’altronde la procedura è facile anche se richiede un pochino di tempo.

I servizi SPID

L’obiettivo del Governo è quello di facilitare la vita delle persone che devono effettuare richieste o altro presso gli enti pubblici. Con una semplice password, quindi, si può usufruire di molti importanti servizi che offre lo Stato. Per esempio, come riporta il sito ufficiale, si possono accedere ai servizi di oltre 5300 tra amministratori locali e centrali, enti pubblici e agenzie. Inoltre si può usare anche negli Stati dell’Unione Europea che ne aderiscono. Insomma, si tratta della tua identità digitale grazie alla quale puoi svolgere online le cose che prima si dovevano svolgere di presenza.

Lo SPID si può usare in particolare:

  • Ufficio Anagrafe: collegandosi al sito del proprio comune di residenza si possono sbrigare molte commissioni
  • Fatturazione elettronica: inserendo la password tutto diventa più veloce
  • Richieste e Prenotazioni: prenotare visite mediche diventa più facile utilizzando le credenziali nei portali degli studi medici
  • INAIL: si può usufruire dei servizi online anche con lo SPID
  • INPS: le credenziali consentono di accedere alle prestazioni e ai servizi.

I documenti per richiedere lo SPID

Per creare l’identità digitale e richiedere il codice bisogna avere a portata di mano alcuni documenti di identità. Essi servono per verificare se chi lo richiede sia veramente quella persona. Se desideri richiedere le credenziali fisicamente in un ufficio autorizzato devi portare con te la carta di identità, la patente, il codice fiscale o anche il passaporto (quest’ultimo non è obbligatorio). Se decidi di effettuare la procedura online, i documenti appena indicati (carta di identità o passaporto) devono essere elettronici. La procedura varia a seconda di quale Identity Provider si tratta e può durare pochi minuti o addirittura alcuni giorni.

A chi richiedere SPID

L’Agenzia per l’Italia Digitale è l’organo del Governo che si occupa di autorizzare gli enti pubblici e gli enti privati a fornire lo SPID. In questo ambito questi enti prendono semplicemente il nome di Identity Provider. Quelli selezionati possono svolgere questo importante compito in totale sicurezza per il cittadino. Se ancora non sai dove richiederlo allora di seguito vedrai quali sono gli enti autorizzati. Alcuni rilasciano SPID in modo completamente gratuito mentre altri lo rilasciano dentro un compenso economico e quindi si tratta di un servizio a pagamento.

Poste Italiane

Poste Italiane è uno degli uffici più comunemente utilizzati dal cittadino. In qualsiasi ufficio postale di può richiedere SPID sia andando di presenza sia online. In entrambi i casi servono i documenti di identità, nel secondo caso si tratta di documenti di identità elettronici. Un’altra via è l’SMS su numero di cellulare certificato grazie al quale si hanno le credenziali in solo tre minuti.

Capita spesso di recarsi in un ufficio postale ma dover fare la fila per molti minuti a causa della presenza di numerose persone. Per questo motivo ti consiglio di scaricare e di utilizzare l’applicazione Ufficio Postale per prenotarti facilmente senza fare la fila. Grazie a questa app potrai recarti alla posta quando è l’ora del tuo turno. Per fare SPID ti consiglio di recarti direttamente alla posta con i documenti di identità e l’operatore provvederà in pochi minuti a svolgere l’operazione.

Aruba.it

Aruba.it offre innumerevoli servizi che vanno dal semplice hosting (che riguarda la creazione di blog e siti web) alla PEC (la Posta Elettronica Certificata) fino alla richiesta di SPID. Creare l’identità digitale con Aruba.it è facile, veloce, sicuro e anche gratis. Anche in questo caso devi avere a portata di mano i tuoi documenti di identità e seguire la procedura che ti viene indicata. Come appena detto, il servizio è gratis ma è a pagamento se a richiederlo è una impresa o una azienda.

Register.it

Register.it offre numerosi servizi come la possibilità di creare blog e siti web ma anche SPID ma a pagamento. Per fare ciò devi andare nel menu principale e cliccare su PEC & SPID e cliccare su Spiditalia. A questo punto si apre una pagina dove ci sono due opzioni e cliccare su Per uso privato. Cliccando su Attiva verrai indirizzato sul Carrello dove puoi acquistare il servizio.

Per completare l’operazione devi effettuare la registrazione che ti servirà ogni volta che desideri accedere su Register.it. Assicurati di avere con te i documenti di identità, in particolar modo la carta di identità. Il mio consiglio è di svolgere l’operazione tramite un computer portatile oppure un computer fisso dotati di una web cam funzionante. In questo modo si evitano perdite di tempo dovute alla lentezza di internet mobile, cioè quello usato per gli smartphone.